In questi periodi così frenetici molte volte il tempo dedicato alla cura di noi stessi diventa minimo, La salute della persona deve invece prevedere la capacita di comprendere un ampio raggio di scelte, legate sia all’alimentazione  che alla scelta dello stile di vita più salubre.

Tante volte non conosciamo la provenienza degli alimenti che consumiamo e questo fattore non incide positivamente nella nostra vita. L’alimentazione biologica, invece, prevede una ricerca profonda sui cibi che consumiamo e quindi si traduce in un grande gesto d’amore per noi stessi e per le persone che amiamo.

L’alimentazione biologica prevede l’utilizzo di materie prime provenienti da colture conosciute, certificate, dove non viene attuata ne una coltivazione intensiva ne viene praticato l’impiego di particolari veleni e pesticidi. Essa è regolarizzata da particolari normative e in Italia si sta diffondendo da alcuni anni attraverso anche la distribuzioni in canali appositamente dedicati.

L’alimentazione biologica si pone alla base di una serie di scelte equilibrate, amiche della natura e dell’ambiente che ci circonda.

Soprattutto nell’alimentazione dedicata ai bambini, essa si presenta ideale, in quanto al suo interno non vi sono residui di veleni di sorta, riscontrabili anche in modo apparentemente nascosto in prodotti di largo consumo.

Scegliere di alimentarsi in modo biologico significa quindi scegliere prodotti che ne presentino la certificazione, oppure procurarsi le materie prime da chi davvero ci fidiamo. La terza e più simpatica opzione si basa sul procedere noi stessi alla coltura di prodotti biologici quando possibile. Se infatti disponiamo di un piccolo pezzo di terreno, o semplicemente di un balcone, la coltura di qualche ortaggio può avvenire seguendo i dettami biologici, quindi senza aggiungere veleni e aiutando la crescita con elementi di origine naturale.

La coltivazione bio si basano sul divieto di pesticidi, fertilizzanti e sull’utilizzo invece di fertlizzanti approvati e di origine vegetale. La chimica in questo caso si pone in aiuto all’agricoltura, ma non dimentichiamo che il bio si applica anche ad alimenti di origine animale.

E’ questo il caso di carni dove gli animali di provenienza vengono alimentati secondo particolari e buoni dettami, evitando l’allevamento intensivo e dedicandosi a pratiche più dolci e rispettose degli animali. Nel particolare vengono evitati mangimi a base di OGM (organismi geneticamente modificati) e il trasporto degli animali viene eseguito in modo attento. Ne deriva che carni, latticini e uova possiedono delle caratteristiche di salubrità migliori, le componenti delle stesse sono più gustose perchè più naturali e allo stesso tempo vengono adottate delle scelte etiche molto importanti.

Il nesso con il benessere è la salute diventa quindi tangibile, soprattutto a lungo termine. Alimentarsi con cibi dalla dubbia provenienza può portare a intolleranze alimentari visibili e manifeste a lungo raggio di tempo. Studi medici hanno infatti evidenziato che l’esponenziale crescita di allergie e intolleranze riscontrate in questi anni più recenti, è dovuta ad un’alimentazione basata su componenti modificati, frutto di colture intensive e di un grande impiego di agenti chimici. Tutto ciò va combattuto per noi stessi e per le generazioni future, per poter disporre della nostra salute e poter salvaguardarla come meglio crediamo.

Categories: Nutrizione

Indietro